Le vie degli orti

percorsi slow nell'Alt(r)a Versilia e dintorni

Pubblicato da Cinzia il 22 maggio 2014

“Che cosa sia un giardino lo sappiamo tutti, o almeno crediamo di
saperlo: (…) alla fine, ci convinciamo che un giardino è un affare
più complicato di quanto non avessimo sospettato al principio”.

S. Pignatti, professore di ecologia, botanico, 1990


Chi di voi passando lungo un muro di recinzione di una casa non è mai stato assalito dalla curiosità di scoprire il giardino, di favoleggiare del giardino come quello di Lewis Carroll in Alice del paese delle meraviglie ?

La parola Giardino racchiude in se bellezza e mistero talvolta .

Chi conosce il territorio del Camaiorese sa che nel territorio chiamato Seimiglia ci sono vecchie case contadine , convertite a ville con giardini curati da abili giardinieri , nascosti agli sguardi da alte recinzioni e da fitte siepi .

Ma c’è un giorno all’anno , la terza domenica di Maggio durante il quale si svelano i misteri, si aprono i cancelli a chi vuole scoprire cosa c’è al di là della siepe. Si apre un mondo diverso grazie all’Associazione Culturale amici delle Seimiglia e dei suoi volontari che organizzano l’apertura e ne rendono possibile la visita . Giunti alla sesta edizione , l’associazione riesce a far visitare 10 giardini privati, ognuno con la sua particolarità e specificità .

La volontà è  di mostrare come un territorio di antiche radici contadine si sia trasformato con il tempo. I giardini rappresentano la personalità di chi vi abita. Le diverse culture arrivate e stabilitesi sul territorio hanno inevitabilmente lasciato il loro segno .

Molto più banalmente la visita rappresenta un’occasione per essere immersi nel verde, di fare una passeggiata e scoprire un territorio ricco di bellezza .

I commenti sono chiusi.